L’inutile Antigua

img_20170222_134036.jpg
Stucchevoli e ripetitive villette di Antigua, Ve ne sono migliaia.

Ogni isola dei Caraibi ha la sua storia, il suo volto. Il destino ha voluto fare di Antigua (un po’ più grande dell’Elba, stato autonomo insieme alla vicina e intatta Barbuda) un immenso insediamento di ville per inglesi ed americani. Pur circondata da spiagge meravigliose, è priva di ogni interesse.

Non è cosi’ intasata come Saint Martin, disponendo di molto più spazio e non è nemmeno così votata ai piaceri notturni. E’ certamente molto più calma e vivibile; ha anche un minimo di contenuti culturali grazie alla storica presenza di una importante base navale inglese.

Molti immigrati: i bianchi stanno nelle ville, i caraibici, immigrati dalle altre isole le puliscono, le mantengono, ne fanno di nuove. Molte villette, stucchevoli e ripetitive. Ma anche tanti appartamenti ed appartamentini in piccoli condomini. Quindi anche centri commerciali, supermercati, una pletora di venditori di materiali e di servizi per l’edilizia. Non capisco cosa ci trovino ad averne una e a passarci qualche mese o settimana l’anno.

Fa parte di quelle isole di alta gamma, quasi come Anguilla o Saint Barthelemy, dove i prezzi sono molti alti.

img_20170222_102356.jpg
Parcheggi in doppia fila.

Ad Antigua, poi, trova pieno sfogo la frenesia delle crociere; il porto di St. John’s e’ attrezzato per ospitare fino a tre grandi navi in contemporanea. Un flusso di turistame ne esonda invadendo le poche strade del vecchio quartiere del porto trasformate in centro commerciale di triste paccottiglia.

img_20170222_102841.jpg
Croceristi alla ricerca di come passare due ore, prima di tornare a bordo per il pranzo.

Insomma un posto del tutto inutile, buono solo a passarci per andare a Barbuda.

 

​Turismo pionieristico a Barbuda

img_20170226_113424.jpgSono andato avanti a pane e sardine in scatola, mi aggiravo su una bicicletta scassata, sgonfia, senza luci;  ho pedalato nel nero assoluto dei black-out,  ho pagato a peso d’oro l’acqua da bere, ho lottato per non farmi spennare dal padron di casa oltre i limiti dignitosi.

Ma ho visto delle spiagge che mi hanno commosso profondamente fino ad avere delle vertigini; ho sfiorato la sindrome di Stendhal. Sono mesi che vagolo per spiagge stupende, ma queste sono riuscite ancora a colpirmi.

img_20170227_152827.jpg
La boscaglia cespugliosa che ricopre Barbuda.

Eppure Barbuda è un’isola brutta: due terzi dell’Elba, ma con molte acque interne, quindi ancora più piccola. E’ piatta e sassosa, coperta da impenetrabile boscaglia spinosa. Abitata da sole 1.500 persone tutte concentrate in un brutto villaggione di casette sparpagliate ed asini bradi.

Un paio di botteghe, quattro chiese di sette diverse. Una trentina di km di strada malmessa e nessuna attività economica, salvo due resort di estremo lusso dove si arriva in elicottero. Molti vecchi e bambini, vivono tutti di emigrazione e di rimesse. Gli abitanti sono così pochi e così is0lati che si parlano gli uni con gli altri come succede fra congiunti: con totale familiarità, con la sbrigatività della consuetudine, ma anche con quell’asprezza che anni ed anni di contrasti hanno cristallizzato.

img_20170227_164852.jpg
Si fa ancora il carbone di legna.

E’ incredibile come la vicina Antigua (con cui Barbuda forma uno Stato autonomo, come Dominica) sia sviluppata e frenetica e Barbuda sia abbandonata e in stato comatoso.

Già ai tempi della schiavitu’ doveva essere così: troppo arida per la canna da zucchero, ospito’ i campi che producevano il cibo per gli schiavi che producevano canna ad Antigua.  Deve aver ricevuto schiavi di seconda scelta e li’ son rimasti,  pezzo di Africa ai Caraibi,  come ad Haiti.

img_20170227_102310.jpg
Il paese, Codrington, è fatto di case sparse, spesso in lenta costruzione. Molti gli asini bradi.

Ci si arriva o con un catamarano da Antigua, 5 volte a settimana, o con un aeroplanino che atterra su una pista di erba. Vi sono alcune guest-house, spartane ma dignitose, con prezzi sbalorditivi. Non un ristorante, solo due o tre chioschi di cibo da strada: fish and chips, hamburger, le eterne cosce di pollo fritte. Chiedendo a destra e a sinistra si trova una macchina a noleggio, ma così cara che ho preferito una bicicletta, che comunque ho pagato al giorno come una macchina in Europa. Nessun trasporto pubblico, nessun taxi ufficiale. Frequenti black-out. Nessun straniero residente, il che deve essere un unico nelle isole dei Caraibi. Avevo prenotato la guest-house su Booking, all’arrivo volevano tre volte il prezzo pattuito; stessa cosa per la bicicletta.  Insomma, una fatica enorme, un turismo antico che pensavo non esistesse più.  A queste condizioni, evidentemente, i turisti sono rari, rarissimi e soprattuto vanno a Barbuda dalla mattina alla sera, con i tour organizzati da Antigua.

img_20170226_141423.jpg
Tenere acque.

Ma tutto ciò è enormemente interessante, eppoi ci sono quelle incredibili spiagge.

Bisogna andarci a Barbuda, ma subito perchè dicono che vogliono fare un aeroporto internazionale.

Dominica, semplicemente

img_20170221_142139.jpg
Probabilmente l’unica spiaggia di sabbia chiara di tutta Dominica: Father’s place a Marigot.

Mastro Lindo, il fratello cattivo di Ballotelli, Sandokan e il pirata Morgan con le loro ciurme, alcune ragazze di Sin City, il nonno di Bob Marley, un plotone di guardie del corpo di 50 cent. Tutti costoro ti vengono incontro appena sbarchi dal traghetto che ti ha portato a Dominica dalla Guadalupa o dalla Martinica. E pensi che alla sera, vivo, non ci arrivi.

Poi, invece, si mostrano tutti molto gentili, carini e ti aiutano nella tua imperizia di novizio.  Per niente razzisti o timorosi come alla Guadalupa.  I poliziotti poi, sono deliziosi.

Ed allora ti viene fuori la tenerezza, forse anche per il sollievo dello scampato pericolo e rifletti su questi 70 mila discendenti di poveri schiavi africani che si son ritrovati su questo montarozzo pluriappuntito di terra scoscesa e lussureggiante e che ce la fanno, in un modo o nell’altro, a tirare avanti.

img_20170216_121241.jpg
Architetture tipiche in legno nel centro di Roseau, la capitale.

Ritrovo quel che mi era terribilmente mancato nelle Antille francesi: Guadalupa, Martinica, Saint Martin e Marie Galante. Il sapore tropicale, la musica, il casino, un pò di sporcizia e trasandatezza, la gente nelle strade, i vecchietti che canticchiano e ballonzalano sul ritmo della musica che esce dalle macchine che avanzano lentamente lungo il mercato. Eppoi, finalmente, un bar ad ogni angolo. Tutt’altri Caraibi!

L’isola non ha spiagge bianche, ma solo nere e grigie e nemmeno molto belle. Ma ha una continua e densissima foresta che ammanta le ripide pendici delle montagne. Soprattutto sulla facciata atlantica, la foresta è densissima e stupefacente, in molti luoghi, intatta; troppo ripida per essere coltivata. In queste selve inaccessibili si rifugiarono molti schiavi fuggiaschi.

Vi è un sentiero che percorre l’isola in 14 tappe, toccando anche gli importanti fenomeni d vulcanismo. E’ il Waitukubuli National Trail su cui si basano le speranze turistica di Dominica, decisa a divenire meta naturalistica. Anche perchè, oltre alla natura, non c’e’ molto altro.

img_20170218_141709.jpg
Lussureggiante la vegetazione.

Ma l’aspetto interessante sono gli abitanti di quest’isola (grande tre volte l’isola d’Elba): ex inglese, ma ormai del tutto indipendente, con proprio governo e tutto e tutto. Un pò di agricoltura, un pò di pesca, un pò di benefici da una parvenza di paradiso fiscale, un pò di proventi dalle bandiere-ombre, un pò di cooperazione internazionale, un pò di turismo verde (poco), un pò di croceristi della giornata, tante rimesse degli emigranti in America ed in Inghilterra. Una strana Università americana che vi ha impiantato una facoltà di Medicina con un migliaio di studenti.

Con questo mix di risorse, modeste prese singolarmente, ce la fanno ed il livello di vita pare decente. Molte belle casette, certamente degli emigrati. La capitale è Roseau, un grosso villaggio con tanti bazar dove si vende di tutto; che paiono fondaci levantini. Gli acquirenti vengono dai paesi e ripartono sui bussini da 9 posti, con tutti i fagotti.  Un enorme stadio da cricket.

img_20170218_111849.jpgL’atmosfera è straordinariamente rilassata e la gente sembra soddisfatta e di discreto umore, pur conservando un certo riserbo di stampo inglese.  Pochissimi i mulatti, rarissimi i bianchi locali, nessun immigrato, salvo qualche cinese; rari gli occidentali stanziali. Si mangiano i prodotti della terra, un pò di pesce, si beve rum e ci si fanno molte canne. I rasta sono numerosi, l’influenza della Giamaica è forte. Si chiacchera ed il tempo passa. L’aria è tersa, il sole brillante, le piogge rendono lucenti le foglie della foresta.

Nella città, nei paesi, nelle case abbiamo la giusta via di mezzo fra l’ordine e la pulizia lasciati dai colonizzatori europei e la sudicia cialtroneria del Sud America: quel giusto livello di rilassatezza igienica che rende la vita comoda. Si parla un inglese tropicale sui generis. Purtroppo la vita è cara e per il turista carissima (il rapporto qualità / prezzo è perfido). Ma si va in ciabatte, i capelli e le barbe si portano lunghi, alla rasta. Il fatto di essere su un’isola-stato ci lascia abbastanza indifferenti a ciò che succede nel resto del mondo, che, visto da qui, appare assai lontano. La stampa e la TV sono casereccissimi.

Insomma, se qualcuno non ha veramente niente da fare nella vita potrebbe benissimo prendere in considerazione l’idea di venire a non farlo a Dominica. Troverà un sacco di colleghi.

 

​L’isola di Marie Galante sfiora la perfezione

img_20170210_150638.jpgNumerose spiagge d’una bellezza commovente,  che non si riesce ad esprimere come si deve.  Quell’acqua cristallina,  contenta e sbarazzina. Quei riflessi ondivaghi dal colore celestiale.   Quella sabbia bianca che dispiace togliersi dai piedi.  Quelle palme che ombreggiano la spiaggia come fossero state piantate dall’Ufficio del Turismo. Quelle onde oceaniche che si infrangono lontano,  sulla barriera corallina,  ed arrivano a riva scodinzolando.

img_20170211_115203.jpgPiccolina (due terzi dell’Elba)  e rotondetta, l’isola di Marie Galante e’ francese e sta fra la Guadalupa e la Dominica,  nelle Antille,  ai Caraibi.

Ma non solo le spiagge.

L’interno e’ un altipiano vallonato agricolo e bucolico.  Vi si coltiva quasi esclusivamente la canna da zucchero,  soprattutto per farne del rum,  reputatissimo in Francia.  Prima schiavi,  poi lavoratori,  ora spesso piccoli proprietari,  la popolazione dell’isola vive in belle case sparse in campagna ed e’ attaccatissima alla img_20170209_162639.jpgtradizione.  Si vogliono ancora utilizzare i carri trainati dai buoi, si alleva del bestiame in modo antichissimo, si rifiuta il cadastro affidando la prova della proprietà alla memoria collettiva, si rifiutano con grande fermezza i tentativi di speculazione immobiliaria-turistica (che hanno distrutto Saint Martin).
Oltre la canna da zucchero, pochissime altre attività;  un po’ di turismo,  discreto e poco visibile: molte case in affitto, pochissimi alberghi di piccole dimensioni.

Tre borghi, sbiaditi dal sole e tramortiti da perenne siesta. Scalcinati come tanti borghi marinai nel Mediterraneo degli anni ’60.

img_20170211_161858.jpg
Le casette in campagna sono spesso colorate e graziose. In molti casi attendono i proprietari, emigrati in Francia e che vi ritorneranno ormai in pensione.

Quindi pochi abitanti, delinquenza quasi inesistente, traffico simbolico,  una grandissima calma, rapporti facili con le persone.  Una deliziosa situazione di serenità, pace,  familiarità’. Pare di aver vissuto da sempre su queste plaghe felici e di non volersene andar mai.

Questa isola merita,  da sola e di gran lunga,  un viaggio ai Caraibi.

Esiste un lato negativo (oltre al fatto che la sera non c’e’ niente da fare).  Come in tutte  le altre isole francesi manca completamente il sapore tropicale,  la musica,  la voglia di vivere,  la gente in strada,  la calda confusione delle notti, tipiche di questa parte di mondo.

img_20170211_172851.jpg
Resti di un molino a vento per macinare la canna da zucchero.

Il benessere,   il welfare,  l’emigrazione facile, gli infiniti aiuti agli individui,  alle famiglie,  alle attività agricole;  la pressione,  tipicamente francese e fortissima, contro ogni espressione culturale che non sia quella nazionale elaborata nei salotti parigini; tutto ciò ha fatto di questo popolo un insieme di piccoli e benestanti francesi.

Meglio cosi’ per loro,  certamente, ma insipido per il turista.

Il sogno dei Caraibi si infrange a Saint Martin 

img_20170208_154209.jpg
Bella spiaggia, ma milioni di metri cubi di turisti subito dietro.

Le spiagge di Saint Martin sono bellissime.  Sabbie chiare, mare smeraldo, palme ed alberi frondosi,  a volte aperte all’Oceano,  a volte riparate sul lato del mare dei Caraibi. Sono numerose e non vorremmo distaccarcene.

E bene avremmo fatto a non lasciarle perche’ alle loro spalle vi e’ un vero inferno. Una sola,  totale, squallida periferia da grande citta’ con magazzini,  depositi, casupole dei poveri immigrati,  strade polverose.  Oppure porti turistici, Casinò, discoteche, saloni da feste, locali da adulti, centri commerciali, ristoranti. La Las Vegas dei Caraibi.
Qua e la’ i complessi, chiusi con alti muri,  delle lussuose ville o dei condomini con vista mare o sulle Marine affollate da grosse barche.

the_courthouse_st-_maarten
Una delle poche attrazioni di Philipsburg: il palazzo di giustuzia con un ananas sopra. By Asksxm – Own work, da wikicommons.

A partire dagli anni 60 una politica di progressiva liquefazione delle regole ha dopato l’economia: porto franco, detassazione,  deregulation.  Si installarono le attività tipiche del riciclaggio: casinò ed edilizia turistica soprattutto dalla parte olandese, la prima a liberalizzare. Sulla tradizione, peraltro, delle colonie olandesi dei Caraibi, nate nel ‘600 come basi commerciali. Ora come allora vi si fa mercimonio spietato di tutto, in uno sfrenato orgasmo liberistico.

In anni passati il boss locale era un certo Rosario Spadaro del clan dei Santapaola di Catania, giusto per dire.  Lo stesso Nitto Santapaola frequentava l’isola. Del resto la Colombia è vicina e sono molte le isole caraibiche profondamente implicate nel passaggio della coca verso Stati Uniti ed Europa.

In questo contesto sono state costruite migliaia di ville e di appartamenti in condomini di alto livello, creando lavoro nell’edilizia e nella successiva miriade di servizi che la clientela richiede. Lo stesso succede per l’indotto marittimo, con i porti turistici e le loro infinite barche, alcune molto importanti.

st-_maarten_karibik_-_view_of_cay_hill_-_panoramio
L’assalto alle colline. By giggel, da wikicommons.

Si sono riversate, quindi, su Saint Martin decine di migliaia di lavoratori delle vicine isole caraibiche che hanno dovuto trovare alloggio ed i loro pochi servizi. Sono lavori spesso di bassa manovalanza, di servizio domestico, di semplice manutenzione. Gli stipendi sono bassi e le condizioni abitative di questi lavoratori sono modestissime. Sono tanti e i quartieri simil-bidonville hanno riempito l’isola. In questo contesto, evidentemente, la malavita prospera. Luoghi di riciclaggio, poteri anche corrotti (un governatore olandese fini’ in carcere), disinteresse per il bene pubblico, che cade letteralmente in rovina.

Saint Martin è soprattutto frequentaa per i piaceri notturni: vi sono molti Casinò, molti bar per la sera, un’infinità di locali per adulti. Il denaro scorre facilmente.

Si ha quindi un’isola in cui sono intimamente mescolate le zone di lusso con le loro muraglie, quartieri-ghetto e zone del divertimento notturno verso le quali sciamano, a sera, le prostitute. Il tutto in pochi chilometri quadri.

La viabilità è scarsa ed in pessimo stato. Su quei pochi chilometri si riversano le macchinone dei ricchi residenti, il traporto pubblico dei lavoratori, i mezzi di servizio, le auto noleggiate dai turisti di passaggio. E’ praticamente un solo ingorgo continuo che interessa l’isola da un capo all’altro. Un’ora per fare i 10 chilometri che separano le due capitali è la norma.

La sitauazione è infatti peggiorata dal fatto che ogni anno arrivano sull’isola un milione di turisti di breve durata ed un altro mezzo milione che sbarca dalle navi da crociera per poche ore, e che si riversano, immancabilmente sulla famosissima spiaggetta di Maho sorvolata a pochissimi metri di quota dagli aerei in atterraggio.

Finora sono state occupate le parti basse dell’isola; ma le lottizzazioni turistiche e gli slums operai stanno attaccando le colline, brulle e ripide. Si sta andando verso le favelas delle colline di Rio.

Insomma un’isola completamente invivibile, lontanissima dal mitico mondo caraibico, che si limita alle sue spiagge. Molto diversa dalle altre isole francesi delle Antille come Guadalupa e Martinica ed abissalmente lontana da Santo Domingo o Dominica. Un caso unico.

​La vitale accozzaglia di St. Martin

Cosa fa tutta questa gente sulla spiaggia di Maho a Saint Martin?

Saint Martin, ai Caraibi, un’isola piccola, meno di un terzo dell’isola d’Elba,  che ospita,  in grande confusione: due nazioni con ordinamenti statali ben diversi, ognuna con la propria capitale; tre monete correnti; cinque lingue d’uso pubblico normale;  due aeroporti internazionali; una infinita’ di popoli diversi; 70.000 abitanti;  il tasso record francese di rapine; traffici finanziari, narcotraffico,  riciclaggio mafioso.

Vi e’ una parte francese ed una olandese; la prima e’ Francia,  esattamente come Place de la Bastille,  con capitale Marigot; la seconda e’ uno stato in qualche modo associato all’Olanda, con capitale Philipsburg. La frontiera non è visibile, ma sulle carte c’e’.

insel_air_mcdonnell_douglas_md-83_ultra-low_approach_over_maho_beach
Aspettano l’aereo!!! Non è un montaggio. Di Timo Breidenstein – https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=38245028

L’euro e’ largamente utilizzato, ma meno del dollaro; circola anche  il Fiorino dei Caraibi, moneta ufficiale della parte olandese. I prezzi sono espressi nelle tre monete.
La lingua comune e’ un inglese locale, che viene parlato come prima lingua anche nella parte francese (giusto per far dispetto ai loro colonizzatori). Il francese e’ conosciuto da molti,  ma scarsamente praticato; si parla,  naturalmente,  il creolo delle Antille francesi (come alla Guadalupa e alla Martinica),  ma anche il papiamento che e’ il creolo delle colonie olandesi derivato,  incredibilmente,  dal portoghese.  A causa dei molti dominicani,  lo spagnolo e’ molto diffuso.

I bambimi vanno a scuola da una parte o dall’altra, secondo dinamiche variabili. La Francia,  cosi’ dispettosamente puntigliosa al momento di difendere cultura e territorio,  qua sembra essersi arresa e lascia fare,  rinunciando all’ordine costituito. I poliziotti della parte francese parlano inglese fra di loro. Anche alla Posta gli impiegati francesi, dopo anni di resistenza, si son dovuti piegare ed ora discorrono in inglese con gli utenti.

Ogni parte ha il suo aeroporto internazionale,  cosi’ vicini che gli aerei si disturbano mutuamente.

Una sfrenata corsa alla deregulation, lo stato di porto franco, le facilitazioni da paradiso fiscale hanno dopato l’economia che ha richiamato folle di immigrati dalle altre isole caraibiche, ben più povere. La popolazione dell’isola si e’ decuplicata in pochi decenni: son venuti a cercar fortuna dominicani caciaroni,  haitiani sfiniti dalle difficoltà, giamaicani sfrontati,  cinesi commercianti, caraibici anglofoni vari, gli immancabili indiani, europei in cerca della estate infinita.

In tale marasma e con la poca collaborazione fra le due polizie, il narcotraffico e la minuta delinquenza imperversano. Le rapine sono frequentissime.

In questa isola, assolutamente senza anima e fervente di attività, la gente convive apparentemente senza tensioni e nella mutua indifferenza, cercando, ognuno, di lottare nella vita,  come si conviene in un luogo che fu di pirati,  bucanieri e filibustieri.  La storia di ripete.

 

Attrazione fatale fra dominicani ed italiani.

img_20161224_175355
La prima strada della prima città della prima colonia spagnola in Sud America. A Santo Domingo. Qua incominciò il casino.

Ci devono essere motivi profondi che spiegano l’attrazione per l’attrazione che quest’isola di Santo Domingo esercita sugli italiani, oltre a quanto detto nel post sugli italiani a Santo Domingo . Non bastano le donne belle e facili,  la mancanza di un trattato di estradizione,  il clima buono, l’aria dei Caraibi.

Vi e’ certamente altro.  A Santo Domingo vi e’ una quasi totale mancanza di regole.  Ognuno fa quel che vuole.  Le leggi sembrano essere poche,  semplici,  facilmente aggirabili e la corruzione risolve il resto dei problemi.

I dominicani sono di carattere facile e ampliamente flessibile e non soffrono della terribile malattia,  cosi diffusa in America Latina,  del nazionalismo. Non hanno nessun complesso di inferiorità nei confronti degli stranieri, come invece succede spesso nel continente. Quindi lo straniero non è fonte nè di ammirazione, nè di disprezzo. Non gli viene dato molto peso; conano i suoi soldi, non lui stesso.

img_20161227_220737
Si guarda il cricket alla televisione, nella bottega bar del paese, il sabato sera. Come in Italia il calcio negli anni ’60.

Lo straniero a santo Domingo  si sente doppiamente libero.  Fa quel che vuole e non si sente preso di mira in quanto straniero.

Gli italiani poi,  così insofferenti delle regole ed amanti dei sotterfugi fantasiosi per ingannare lo Stato trovano qua un paradiso.  Respirano a pieni polmoni e trafficano felici. Non tutti gli italiani,  ovviamemte,  ma quella vasta fetta di arruffoni, arraffoni, faccendieri,  filibustieri,  evasori,  individualisti,  paraculi,  sbruffoni.  Aprono e chiudono attività, assumono e licenziano con lo schioccar delle dita,  evadono l’evasibile,  corrompono e mentono.  Il mondo e’ loro,  fategli largo.

img_20161225_171650
Vecchietto dominicano. Normalmente sono incazzosi e dalla lingua lunga.

Un esempio perfetto della mancanza di regole è quello del regime dei visti. Non ce n’e’ bisogno per entrare e per starci 30 giorni.  Se ci stai di piu (anche anni ed anni) basta pagare una modesta cifra all’uscita.  In questo modo non sarai  mai un clandestino. E, da poco,  puoi ottenere il visto,  pagando quella cifra, anche se hai il passaporto scaduto,  cosa che avviene a molti latitanti.  Più comodo di cosi….

Ma vi e’ ancora dell’altro.  I Dominicani,  almeno quelli che entrano in contatto con  i turisti,  sono assai proclivi alla bugia ed alla truffetta.  Nei negozi i prezzi sono stabiliti secondo il tipo del cliente. Se straniero paga moooolto di più.  Perfino nei supermercati i prezzi affissi sono per i turisti.  Gli acquirenti locali hanno un bello sconto.  In generale vi raccontano sempre un sacco di balle,  quasi piu’ per il piacere di raccontarle che per l’eventuale vantaggio che ne possono trarre. Vi fermano per la strada e si improvvisano ciceroni in luoghi sprovvisti di ogni interesse. Non vi vendono la Fontana di Trevi perchè non sta lì.

Son capaci di chiedere prezzi spropositati per i trasporti o le escursioni.  Negli alberghi vi dicono un prezzo eppoi lo alzano al momento di pagare,  oppure vi fatturano un paio di notti in piu’.  Chiedete un pesce lesso e ve lo portano fritto, cercando di convincervi che e’ lesso. Al conto del ristorante viene spesse aggiunto il 10% di servizio e il 18% di tasse. Tutto insieme fa il 30% in più di quanto scritto sul menu. Come se quelle tasse le pagassero!!

img_20161221_124953
Architetture caraibiche. Un pò frufru, ma rallegrano l’animo.

Inoltre hanno la lingua lunga,  scherzano molto, si prendono in giro fra di loro, rispondono in rima alle battute.

Sono, insomma, bugiardi,  furbastri, salaci, sfrontati. Non vi sembra il ritratto anche degli italiani? Due popoli cosi’ simili finiscono sicuramente per affratellarsi e convivere facilmente!!

Ed in effetti va a finire che a parte le frequenti incazzature dovute alle truffette più che quotidiane, a Santo Domingo si finisce per starci bene e a proprio agio, circondati da un’atmosfera molto rilassata e quasi familiare. Ci si diverte con i dominicani, si ascoltano le mille storie degli italiani. E le giornate scorrono fluide nel torpore tiepido dei Tropici.