Mercati mondiali

IMG_20151204_112602
Sao Paulo.

Il Viaggiatore Critico ha notato, come avranno fatto in molti, la profonda modificazione che hanno avuto molti dei mercati alimentari delle grande città. Quegli edifici, spesso di architettura elegante e leggera, fatti di ferro, ai tempi della Torre Eiffel; oppure di nervature di cemento, se più recenti. Posti sempre nelle zone centrali delle città dove il popolo andava a rifornirsi di verdura, frutte, grani e, quando possibile, carne e pesce.  Luoghi in antico pieni di confusione, spesso di sporcizia, di gente di bassa lega. Sembrava veramente di essere al mercato. Io li visito spesso, mi piacciono e mi piace vedere la verdura esposta: da un sacco di informazioni sulla città.

Poi sono arrivati gli urbanisti, gli architetti, gli assessori, gli imprenditori. Probabilmente il primo caso è stato Les Halles di Parigi, poi hanno seguito tutti gli altri.  Cosa sono diventati?

In quasi tutti i casi il popolo vociferante ne è stato estromesso, relegato ai discount di periferia. In certi casi, subdolamente, è stato lasciato un angolo “naturale”; una specie di riserva indiana dove lasciare un pò di banchi ed un pò di popolo a far colore.

Vi sono fortemente penetrati i venditori di cibo e paccotiglia varia da turisti. I banchi sembrano vecchi e tradizionali, ben sistemati, ben illuminati; ma vi si trovan cibi che non entrano in nessuna casa di gente del luogo. Prezzi sconsiderati, da turisti, appunto.  I mercati delle città turistiche dei paesi arabi sono diventati così. Mucchi enormi di variopinte spezie, sforzi scenografici imponenti per il turistame di bocca buona. In Marocco sono particolarmente abili.

In tutti i mercati vi è sempre stato qualche banco che faceva da mangiare: piatti semplici, popolari, veri. Qualche banco. Ora sono straordinariamente aumentati di numero. Ed anche di varietà. I vecchi menu si sono allungati, vi sono stati inseriti piatti prima impensabili in un mercato. Vi si mangiavano piatti economici, da gente di mercato, non certo care prelibatezze. Vedere servito il salmone selvaggio nel mercato del vecchio porto di Helsinki è un insulto alla storia di quel luogo.

In alcuni casi è tutto il mercato ad esser diventato una sorta di ristorante, di food corner da centro commerciale. E’ l’indecoroso caso del secondo piano del Mercato di San Lorenzo a Firenze.  Più raffinato, ma altrettanto fasullo anche il mercato di Lisbona, dove rinomati chefs si sfidano dai lati dell’enorme salone pieno di gente. Piatti cari. Banchi di delikatessen di altissimo livello a Kiev, in mezzo alla povertà di una città ancora in molte difficoltà: un mercato che è passato da vendere le patate delle vecchine ad offrire i gamberetti freschi del Sud America. Indecente.

In altri luoghi, miracolosamente, un certo equilibrio si è mantenuto, come a Budapest. Il mercatone, in pieno centro, è ancora pieno di veri banchi con vera verdura ed i molti banchi di cibo pronto, pur destinati ai numerosi turisti, hanno mantenuto un’aria popolana, da mercato. Vi si mangia male, ma a poco prezzo e nel mezzo alla confusione. Lo stesso a Sao Paulo dove c’e’ un po’ di robaccia da turisti, ma anche molta vita vera di gente vera.

Due città molto vicine, due mercati con destini contapposti: Santiago del Cile e Valèaraiso. Il rpimo è diventato un ristorante fighetto. Il secondo è popolarissimo, con tutti i prodotti veri e con un angolo di bettole.

Enogastronomia ungherese

077
Gulash molto denso servito in una pagnotta svuotata. Roba da turisti.

Attenzione! Il gulash ungherese (gulyas) non è uno spezzatino, ma una zuppa liquida e calda con qualche pezzetto di carne dentro! I ristoranti trappola-turistica ve lo forniranno in tutti i modi, anche come pizza, ma non cadeteci: non si tratta di cucina ungherese, ma di quella che i turisti, nella loro ignoranza, credono sia ungherese e che i ristoratori disonesti ammanniscono senza scrupoli. Come esiste, ad esempio, una cucina italiana di New York che nessun italiano riconoscerebbe come propria.

069
Pantagrueliche portate.

Troverete la solita lista di piatti ungheresi su tutti i siti web, ma la sostanza è la seguente: è una cucina palesemente contadina, con molta presenza di verdure, ma dove si nota anche una bella presenza di carni bovine, suine e di pollame; molto diffusa l’anatra: l’Ungheria è sempre stata terra di allevamenti. Non sembrerebbe che vi sia una grande diversità; i piatti sembrano sempre un po’ gli stessi. Le caratteristiche principali sembrano essere la lunga cottura, preparazioni abbastanza elaborate, piatti “umidi” con pochi arrosti, la cottura congiunta di carni e verdure, un certo affastellamento di cose diverse nel piatto.

Infatti, ad un ristorante, ciò che più facilmente vi succederà è di vedervi appoggiare sul tavolo un enorme piatto di portata, magari di legno, con sopra quantità industriali di diverse carni e di diverse verdure variamente cucinate.

Bisogna dire che il risultato finale è quasi sempre molto gradevole. Cucina generosa, saporita, abbondante, allegra. Forse un po’ approssimativa e ripetitiva. Insomma, piatti molto più da tovaglia a quadratoni rossi che bianca con guarniture di pizzo. Ma dignitosissimi e che lasciano un buon ricordo d’allegria.

Molto usata la paprika che, va ricordato, non è che poco piccante.

047
Patate da cibo di strada

Naturalmente si sta sviluppando una nuova cucina più parca, attenta agli ingredienti e meno “confusa”, con, mi pare, l’anatra al centro di molti di questi piatti. Conviene cercarla nei ristoranti non tipici e di fascia più alta della media. Son ristoranti che van bene per una cena romantica; ma il turista normale si divertirà certamente di più con quei bei piattoni che sembran quasi un banco del mercato!

Ugualmente grondante abbondanza e rimesclume il pur bello ed accattivante cibo di strada.

049Se, quindi, la cucina ungherese non verrà citata nell’olimpo gastronomico, i vini, invece, meritano una grande attenzione. Direi che sul mercato ci sono ancora dei vini da dimenticare, ma certi altri sono già gradevolissimi e sembrano destinati ad avere un buon futuro. Questo per dire che un viaggio enologico in Ungheria è del tutto giustificato. Il Viaggiatore Critico non è in grado di fornirvi una lista di vini e cantine giusti, ma può darvi due nomi da spendere con tranquillità: L’Olasz Risling per il bianco e il Kekfrancos per il rosso. Ma molti altri meritevoli ce ne sono. Anche al di là del Tokai che in Ungheria non sembra così importante come ci saremmo immaginato.

044
Deliziosi questi cilindri vuoti di pasta dolce cotti sulla brace.

Coraggio, c’e’ tutto un nuovo mondo di vini da provare.

Budapest

056
La profondissima metropolitana, concepita anche come rifugio antiatomico.

Bella, importante anche se pesante ed un po’ tetra, Budapest merita diversi giorni. Il Viaggiatore Critico non è una guida, vuole solo interpretare i luoghi. Si limiterà quindi a consigliare i luoghi più meritevoli e quelli da evitare.

– Buda, la parte alta va visitata di notte, arrivandoci con il bus a cremagliera o a piedi. Evitare la folla fastidiosa della giornata. Bei ristorantini, un po’ carucci alcuni, addirittura esosi altri.
– Inutile la visita alla cittadella.
– Inevitabili le terme: Szechenyi e Gellert.
064– Nella piazza del Gellert vi è una gradevole enoteca dove si possono assaggiare un gran numero di vini ungheresi. Non economica e lentissimi nel servizio.
– Prendere il tempo di andare al non vicino quartiere di Obuda a vedere la deliziosa piazza ed il sorprendente museo di Vasarely.
– Il mercato centrale coperto è una bella struttura e ci sono molti banchi ancora “veri”. Al piano di sopra una galleria con variopintissimi chioschi di cibo: turisticissimo. ma anche bellino da fare, per una volta.
– Evitare il paio di strade che è il centro moderno, squallidissimo.
– Da frequentare la vita notturna, assai intensa. Io comincerei da Via (Utca) Nagymezo dove si trova soprattutto un bellissimo pub nelle rovine, curiosa caratteristica di Budapest. Si tratta di interi palazzi abbandonati che vengono trasformati in giganteschi locali, ognuno con varie barre e un dedalo di stanze. Carini anche i dintorni di Piazza (Ter) Liszt Ferenc. Da evitare i dintorni della Basilica di Santo Stefano.
– E’ necessario passeggiare un po’ sul Danubio ed attraversare a piedi qualche ponte. E’ pur sempre un fiume magico.
– Scenografico il museo di arte contemporanea, anche se non contiene troppo grandi cose.

Il Balaton

IMG_20150607_200347Vi consiglio il Balaton solo se siete appassionati di storia del turismo ed anche un po’ masochisti. Non è un gran bel posto e non è nemmeno molto allegro. Sta fra il malinconico, il tetro, il popolarissimo, il demodè e la menopausa. Insomma, un gran lago che si vorrebbe mare, ma non ce la fa.
Eppure il Balaton fu un centro turistico importantissimo negli ultimi decenni del’Impero Austro-Ungarico, prima della I guerra mondiale. Vi affluivano da Vienna e da Budapest piccola nobiltà e buona borghesia. Quelli che non si potevano permettere di andare sull’unico mare dell’Impero: Trieste e l’Istria. Vi andava il ceto moderno che si apriva ai costumi liberali, goderecci: uomini e donne insieme.
Il lago ha, quasi ovunque, rive bassissime ed un po’ fangose. Per evitare le camminate nell’acqua bassa venivano fatte delle lunghe passerelle in legno che portavano a delle piattaforme sull’acqua, là dove era un po’ più fonda e vi si potesse stare almeno un po’ immersi. E ci sono foto di queste piattaforme piene di robusti giovanotti con i baffi a manubrio ed i loro costumoni a salopette in compagnie di eleganti donnini con le cuffiette di trina, l’ombrellino, ma comunque una veste-costume che lasciava vedere un po’ di gambe, braccia e scolli non nascondendo affatto le forme. Balli la sera e passeggiate lungo i viali di platani.

Ed ancora oggi è un po’ così. Le rive sono molto spesso occupate da stabilimenti balneari più o meno grandi e più o meno eleganti, ma sempre molto dignitosi. La riva resta fangosetta e l’acqua molto bassa per lunghi tratti, ma si sta volentieri sul prato, al bar, al ristorante, in piscina. Ideale per i bambini e le famiglie, gradevole per i pensionati, una boccata d’aria nuova per il ceto lavoratore. Ristoranti in quantità. Una certa vita notturna anche per i giovani stranieri a Siofok, anche se sembrano prevalere i ragazzotti anglosassoni attirati dalla birra a vil prezzo.

Balatonfured più elegante e cara, con porticciolo ricco di barche. A Kesztheli, al margine occidentale del lago, delle belle architetture neoclassiche.

IMG_20150607_195812Una buona idea può essere quella di fare il giro del lago in bicicletta. Ovunque alberghi, pensioni, B&B dove fermarsi e similspiagge dove distendersi. Ci sono molte piste ciclabili o strade di scarso traffico. C’e’ anche il treno (che prende le biciclette) su ambi i lati, quando siete stanchi od annoiati. I prezzi sul Balaton sono un po’ più cari che nel resto del paese.

Da non dimenticare che le colline intorno al Balaton danno degli eccellenti vini (detto da un italiano). Aggirarvisi in macchina e fermarsi alla fattorie o in certi non infrequenti agriturismi può darvi delle belle sensazioni anche etiliche.

E’ consigliabile una visita al Balaton? Direi di no, se non per una rapida visita per togliersi la curiosità di vedere un lago così grande in mezzo all’Europa o per vedere da vicino cosa fanno quelli che vanno al lago invece che al mare. Chiamamolo voyeurismo turistico. Ma se avete pochi giorni, saltatelo pure a piè pari.

Le terme ungheresi

062La particolarità gradevolissima dell’Ungheria sono le terme. Sono tantissime, ovunque e molto molto consigliabili. Non sono infatti quei patetici concentrati di vuota e carissima boria, insulsa ed esangue che caratterizzano le cosiddette terme in Italia. Luoghi, spesso, anche ambigui.

Le terme ungheresi sono una miscela fra le terme romane ed il parco dei divertimenti per famiglie. Sono sempre pulitissime, molto spesso recentemente rinnovate, accoglienti, gradevoli, ben organizzate, sicure per i beni lasciati allo spogliatoio, fornite dei vari servizi aggiuntivi necessari come bar e ristoranti. E sono sempre ricche di acqua tiepida, calda, a volte caldissima, miracolo del sottosuolo ungherese. I prezzi non sono popolarissimi, ma rispetto ai servizi offerti sono assai moderati. E’ una vera gioia andarci, fa bene al corpo e allo spirito.

https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/b/b5/Sz%C3%A9chenyi.JPG/1024px-Sz%C3%A9chenyi.JPG?uselang=it
L e stupefacenti terme di Szechenyi a Budapest    Foto di Andorka (Opera propria), Wikimedia Commons

Sono spesso assai vaste, ricche di molte e diverse piscine, di varie temperature e di varia destinazione: ci sono giochi d’acqua come scivoli e correnti fortissime che vi travolgono, ci sono piscine di rilassamento e meditazione; zone per sedersi a conversare con amici e sconosciuti (ma in che lingua?) nell’acquetta calduccina. Non mancano saune e bagni turchi e vasti spazi all’asciutto per sdraiarsi. Una vera festa per rilassarsi. Se ne esce lessi, stanchi e felici. Dal momento che l’acqua è naturalmente calda, molte piscine all’aperto funzionano anche d’inverno, con la neve e fra la nebbia.

Vi è sempre e comunque un’aria famigliare, composta ma amichevole; alla buona, ma degnissima e rassicurante. Se volete un po’ nazional-popolare, ma nel miglior senso della parola. Giovani e vecchi mescolati, senza esibizionismi degli uni o vergogne degli altri. Un ritrovo di paese, più che uno sfoggio di fisici tirati. I vecchietti vanno a giocare a scacchi nell’acqua. Il personale è numeroso, robusto e un po’ burbero, come si addice ai forti. Anche nelle terme più lontane dai flussi turistici è sempre possibile capirsi, in qualche modo.

La cosa più stupefacente è la loro frequenza: ce ne sono moltissime, anche in centri minori dove non troverete mai un turista straniero. E’ anche una bellissima idea andare in giro in macchina quasi a casaccio e visitare, una dopo l’altra, giorno dopo giorno, diverse terme in diversi paesotti in mezzo alla dolce campagna. E dopo le terme calde, una cena con gli enormi piatti della cucina ungherese. Finirete la vostra vacanza grassi e rosei come dei maialini, e felici!

A volte vi sono due zone: una per le famiglie ed un’altra, più cara, per gli adulti, più tranquilla e meglio curata. Ovunque (con l’eccezione di alcune terme a Budapest) sessi mescolati ed ovunque, strettamente, uso del costume. Non si dorme nelle terme.

Le terme più curiose sono quelle di Heviz dove vi è un vero e proprio laghetto, molto profondo, di acqua più o meno calda dove restare in ammollo con un provvidenziale salvagente. In una isoletta artificiale, su palafitte, al centro del lago i servizi; sotto, fra i “pali fitti” le bocche dell’acqua più calda. Nel paese circostante un gran numero di alberghi e ristoranti di tutti i tipi. Molti gli stranieri, tedeschi e austriaci, spesso di età anche avanzata. Atmosfera un pò triste, non lo consiglio troppo.

A Budapest le più famose sono quelle di Szechenyi, vicino al centro: grandi, neoclassiche, multiformi, vecchiotte, piene di fascino, di gente, di stranieri e di italiani. Meravigliosa la piscina centrale, all’aperto, d’inverno. Consigliatissima. Belle anche le terme dell’Hotel Gellert, aperte anche ai non clienti.

Quelle, molto grandi ed affollatissime di Bükfürdő, nazional-popolarissime, ma anche divertenti.

https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/f/f0/Medicinal_Bath_H%C3%A9v%C3%ADz_01.jpg
Il Laghetto termale di Heviz pieno mdi bagnanti. Da Wikimedia Commens

Ma il meglio è in giro per il paese. Per orientarsi con i cartelli, sembra di capire che il termine fürdő voglia dire terme in senso generale, compreso quello sanitario mentre che gyógyfürdő sarebbero le terme ricreative. Purtroppo non ho mai trovato un sito con una vera carta delle terme ungheresi. C’e’ qualcosa in tedesco,  ma non è completissimo.

Il mio consiglio è di girare da una terma all’altra, magari in bicicletta, all’inizio dell’estate. La beatitudine!

IMG_20150607_145254
Vicino a Bukfurdo, nella città di Szombately vi è la ricostruzione del tempio romano ad Isis.

La bella Ungheria

035E’ veramente un peccato che l’Ungheria abbia preso in questi anni una via politica brutta e che nel 2015 abbia avuto quella reazione smodata verso gli emigranti. Peccato proprio, perché sarebbe un bellissimo paese, da frequentare volentieri.

In realtà non c’e’ niente di clamoroso da vedere o da fare; ma vi è un insieme di piacevolezze che rendono la visita, ed anche un medio soggiorno, una cara esperienza.

I prezzi son comodi, le strade buone, le persone gentili e riservate, il cibo buono ed abbondantissimo, gli alberghi frequenti, le distanze modeste. Tutti vantaggi con pochissimi contro: una lingua osticissima compensata da una certa diffusione dell’inglese, una buona presenza del tedesco e, per i ben adulti, la certezza del russo.
Certo, non sarà un viaggio avventuroso o stressante; troverete, invece: pace, rilassatezza, tranquillità, buon vivere. A volte fa piacere.

Il Parlamento a Budapest      Di KittyKati727 (Indafotó) Wikimedia Common

Vi è inoltre un aspetto che interesserà i più giovani. Le donne ungheresi sono strepitosamente belle. E sembrano anche assai simpatiche. Il vostro Viaggatore Critico ci è andato alcune volte in Ungheria, anche molto recentemente, ma sempre in coppia e non saprebbe dirvi…

Vi consiglia invece una cosa: è andato in auto con le bici sopra ed ha girato con queste Budapest, risparmiando un sacco di tempo e divertendosi in totale sicurezza. I ciclisti, infatti, sono numerosi, rispettati e dotati di molte piste.

064Il Balaton, l’enogastronomia, Budapest, le terme, il Danubio, i paesaggi rurali, il ritmo della vita sono i punti centrali del viaggio.

Un grande si all’Ungheria, speriamo guariscano presto dalla loro attuale malattia politica.