L’Isola del Giglio si merita le 4 vele di Legambiente? Direi di no.

Legambiente ha diffuso in questi giorni la Guida Blu 2014. All’Isola del Giglio attibuisce 4 vele, un solo passo sotto il massimo che sono 5 vele. Il giudizio è basato su un amplio spettro di criteri.

Il Viaggiatore Critico ha visitato l’Isola del Giglio e non ritiene affatto che questa località vada così premiata. Per  i seguenti motivi:

Mio nokia1492
La Centrale termica del Giglio, a poche decine di metri da Campese.

1) L’energia elettrica dell’isola è fornita da una centrale termica privata di proprietà della SEI. Gli isolani pagano delle tariffe molto alte e l’impianto termico stona veramente in un quadro che vorrebbe essere molto pulito. L’Argentario è a soli 15 km e non sarebbe certo difficile tirare un cavo per l’elettricità. Ora sarebbe ancora più semplice dal momento che le importanti ditte che stanno lavorando intorno alla Costa Concordia si sarebbero dette disposte a posare tale cavo anche gratuitamente, come forma di ringraziamento per l’accoglienza ricevuta dalla popolazione.  Ma sembra che il Comune non abbia accolto l’offerta….. I sospetti di opacità sono evidenti.

2) L’acqua è prodotta da un dissalatore che va ad energia elettrica prodotta, ovviamente, dalla stessa centrale termica. E’ noto che dissalare l’acqua di mare ha costi energetici altissimi. Anche in questo caso la proprietà privata che detiene la centrale elettrica sarà ben contenta.

Mio nokia1497
Discarica sulla strada fra Campese e il deposito comunale.

3) Il Viaggiatore critico ha trovato una discarica abusiva a poca distanza da Campese.  E’ accanto ad un piccolo cantiere navale ed è visibile anche su Google Earth (42°21’23.92″ e 10°52’52,24″). Barche e motori abbandonati lungo la strada, in mezzo agli alberi. In più, si tratta della strada che unisce Campese al deposito comunale ed è quindi pemanentemente sotto gli occhi dei dipendenti comunali.

 

Mio nokia1498
I vecchi lampioni abbandonati sul bordo della strada.

4) Ma c’e’ di peggio! Il Comune non ha trovato altro luogo che il bordo della strada, davanti all’entrata della centrale termica, per abbandonare i vecchi lampioni rimossi. Buttati su un lato della strada!

Ancora una volta la realtà della Toscana è ben diversa da quella che si vuol raccontare.

4 vele? Ma nemmeno una!!