Pucci, Emilio e il Battistero di Firenze. A far cassa!

A Firenze, in questi giorni si svolge Pitti Uomo e in questi mesi si sta ripulendo il Battistero, monumento più antico di ogni altro a Firenze. Come è uso da qualche tempo, il cantiere è stato rivestito da teli su cui sono stampate foto a grandezza naturale del monumento sottostante, in modo che il turista, anche se non vede l’originale, ne può facilmente immaginare l’aspetto nel suo contesto naturale.

Mio nokia1530La concomitanza di Pitti e del restauro del Battistero ha fatto nascere l’idea alla Fondazione Emilio Pucci di ricoprire i teli originali con altri che riproducono un, dicono, famoso foulard che Pucci disegnò nel 1957 ispirato dal Battistero stesso. Come si vede nelle foto. Ciò dura solo per i pochissimi giorni della fiera di Pitti, poi tolgono tutto. Ovviamente la Soprintendenza ed il Comune devono aver dato il permesso per mettere i lenzuoloni.

Mio nokia1531Il risultato è certamente gradevole, divertente ed Emilio Pucci è sicuramente una delle glorie fiorentine come promotore dell’industria della moda. Da notare però che la firma Pucci è ora in mani francesi.

Comunque questa semplice vicenda dimostra ancora una volta come tutta Firenze sia piegata allo spirito mercantilistico più sfrenato. Il patrimonio storico pubblico è utilizzato come immagine di imprese private con l’avvallo delle autorità statali e comunali. Il passato intero di una città diventa pubblicità commerciale di un singolo gruppo. L’omaggio di Pucci ad un monumento della sua città si è ingigantito fino a coprire il monumento stesso. L’oggetto moderno, commerciale, oblitera l’oggetto antico, culturale. E’ tutto in vendita in questa Firenze puttana.